Blog

Intime narrazioni. Quarta fase per la creazione di un piano di welfare: GESTIONE FORNITORI

MB

Quarta puntata: Michele Bianchini - Procurement Manager di Eudaimon ci fa scoprire il mondo della gestione dei fornitori, dai criteri di scelta del fornitore stesso fino al monitoragigo del servizio, coerente con gli standard previsti da Eudaimon.

 

In Eudaimon abbiamo predisposto determinate linee guida nella scelta dei fornitori, i quali devono rispondere a specifiche esigenze per poter entrare a far parte della nostra rete, tra cui:

  • Incremento della copertura territoriale italiana: la nostra rete è davvero molto estesa perché dobbiamo coprire le esigenze dei lavoratori delle imprese in tutta Italia;

  • Innovazione nell’ambito di tipologia di servizi da offrire agli utenti: i bisogni possono variare rapidamente e noi dobbiamo essere in grado di rispondere prontamente. Un esempio tra tutti è stata l’emergenza sanitaria avvenuta ad inizio anno, quando abbiamo attivato un servizio di telemedicina, bisogno che prima di questo specifico evento non avrebbe risposto ad alcuna esigenza marcata;

  • Miglioramento della qualità dei servizi con lo scopo di innalzare la qualità complessiva della rete di fornitori.

In generale cerchiamo sempre di creare delle forti collaborazioni con i fornitori più affini a noi, alla nostra cultura, alla nostra etica e con un forte posizionamento sul mercato, con i quali possiamo instaurare solide collaborazioni e pianificare attività di promozione al fine incentivare gli utilizzi da parte dei nostri clienti.

Noi di Eudaimon abbiamo un’esperienza pluriennale e abbiamo migliorato le nostre competenze durante gli anni di attività. Uno dei nostri dogma è sempre stato quello di offrire alle aziende clienti dei programmi di welfare aziendale completi, con qualità e varietà di servizi. I fornitori con cui collaboriamo devono soddisfare l’intero lifecycle delle persone, dalla cultura e formazione alla salute e socio-assistenza, senza dimenticare la scuola e il tempo libero.

La fase di selezione segue specifiche linee guida, uno degli elementi che analizziamo è la web reputation del fornitore, a questa prima analisi segue una valutazione dei volumi generati e della quota di mercato coperta dal fornitore, successivamente vengono pianificati gli immancabili incontri conoscitivi.

Lo scopo della procedura è incrementare il numero di fornitori Eudaimon in ottica Push ovvero senza attendere una specifica richiesta dal cliente, impedendogli di trovare delle mancanze nel suo piano di welfare, ma fornendogli le giuste risposte alle sue esigenze.

Il convenzionamento on demand è uno strumento molto utile perché concede la possibilità di convenzionare nel proprio piano di welfare i propri fornitori abituali, da cui sarà quindi possibile usufruire dei servizi attraverso il proprio credito welfare. Inoltre, il nuovo fornitore convenzionato avrà la possibilità di farsi conoscere anche da altre persone che, fino a quel momento, non erano a conoscenza dei suoi servizi.

Il convenzionamento avviene in maniera semplice, tramite una richiesta fatta dall’utente: il dipendente può segnalare dei partner da convenzionare all’interno del proprio piano di welfare, incrementando così anche la rete di fornitori in capo ad Eudaimon. Questa modalità, al contrario della precedente, avviene in ottica Pull.

Può assolutamente succedere che il cliente presenti esigenze particolari oppure abbia necessità di procedere con la risposta al suo bisogno in luoghi specifici. In questo caso la risposta avviene attraverso l’attivazione di fornitori non ancora presenti nella rete. Il requisito base è che il fornitore offra servizi in linea con la normativa welfare e che rispetti i requisiti contrattuali previsti da Eudaimon.

Il nostro obiettivo è quello di scegliere fornitori molto affermati a livello B2C, in modo tale che sappiano lavorare garantendo serietà per requisiti fondamentali radicati nella cultura Eudaimon come: la qualità del servizio erogato, la scalabilità sui volumi generati e la professionalità nella gestione del rapporto con i clienti.

Quando attiviamo un fornitore predisponiamo insieme le migliori condizioni per il cliente e fornendo un supporto continuo. Eudaimon si pone da ponte di collegamento tra il fornitore e l’utente, al fine di mediare e risolvere qualsiasi problematica che potrebbe insorgere tra cliente e fornitore.

Un ulteriore strumento fondamentale che utilizziamo per agevolare il rapporto tra fornitore utente è rappresentato dall’analisi dei feedback che i clienti rilasciano all’interno del portale welfare gestito da Eudaimon. Attraverso queste indicazioni possiamo comprendere quali sono gli aspetti positivi e quali quelli da migliorare.

Periodicamente condividiamo le valutazioni con i fornitori, con lo scopo di aiutarli a conoscere l’utente e a capire cosa migliorare. Dall’altro lato l’utente ha la possibilità di partecipare attivamente esprimendo le proprie opinioni sul servizio e sulle modalità di richiesta dello stesso.

Il ruolo chiave dell’area che gestisce i fornitori è quello di trovare dei servizi che rispondano alle esigenze dei lavoratori e che possano essere veramente apprezzati, sia dal punto di vista della user experience che da quello della qualità del servizio offerto e delle condizioni applicate ai lavoratori.

Una volta individuati, andiamo ad ottimizzare tutti i processi che coinvolgono il servizio e, con il supporto del team Eudaimon, andiamo a valorizzare il posizionamento del servizio sui nostri clienti.

Mi sento quindi di affermare che il ruolo di gestione dei fornitori è quello di suggerire, innovare e ottimizzare i servizi al fine di:

  •  soddisfare i bisogni del dipendente (anche anticipandoli);

  • creare delle forti collaborazioni con i fornitori che insieme al team Eudaimon, lavorano al fine di massimizzare la soddisfazione dei nostri clienti;

  • garantire la qualità e la scalabilità dei servizi offerti, ottimizzando processi aziendali coinvolti nella gestione del servizio (sia di Eudaimon che del fornitore).  


Clicca qui se ti sei perso la terza fase.