Blog

L'engagement è indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi aziendali

Parola d’ordine: engagement

Il benessere organizzativo come mantra aziendale. Le persone devono essere considerate il cuore pulsante dell’organizzazione: coinvolgimento e motivazione sono due degli ingredienti principali per la realizzazione di un piano di welfare orientato alla felicità.

Perché l’azienda dovrebbe investire sulle persone?

Il legame esistente tra il livello di engagement dei collaboratori e le relative prestazioni aziendali è ormai indiscutibile. Purtroppo però, la cultura di motivare i lavoratori ragionando su tutto ciò che va oltre la loro retribuzione è un concetto ancora relativamente nuovo. La frenesia ed il caos del mondo di oggi richiedono un'attenzione maggiore al singolo, che si esplicita in un livello più elevato di benessere psicologico.

Dunque, l’investimento sui dipendenti improntato al loro coinvolgimento si è trasformato, più di ogni altra cosa, in un imperativo per tutte le aziende che intendono tenere il passo.

Quali sono i vantaggi per l’azienda?

  • I collaboratori felici sono più soddisfatti di sé stessi e del loro lavoro. I primi clienti dell’organizzazione sono le persone che ci lavorano, il vero cuore pulsante! L’apprezzamento del singolo e la valorizzazione del suo lavoro, sono elementi basilari per la creazione di fedeltà e soddisfazione.

  • Hanno prestazioni migliori. Colui che è soddisfatto di sé stesso e dell’ambiente in cui si trova è spinto da una motivazione maggiore nel lavorare per il raggiungimento di obiettivi elevati e condivisi.

  • Rimangono in azienda più a lungo e attirano nuovi e migliori talenti. Il turnover risulta essere più basso, infatti a dipendente soddisfatto corrisponde più elevata fedeltà verso l’organizzazione.

Non dimenticare che la lealtà è una strada a doppio senso. Un'azienda che riconosce l'investimento sulle sue persone è un'azienda che intraprenderà il percorso più semplice per sostenere questa felicità e costruire una cultura interna più produttiva.

Come rendere le persone più soddisfatte in 4 semplici step?

1. Ambiente.

La digitalizzazione continua e la rapida evoluzione del mercato unite alle politiche aziendali adottate internamente, danno vita ad un determinato ambiente di lavoro. Il desiderio di ognuno di noi è quello di far parte di una società innovativa, caratterizzata da soluzioni capaci di aumentare il benessere della persona e di migliorarne l’esperienza lavorativa di tutti i giorni.

Ogni ambiente di lavoro è caratterizzato da una cultura organizzativa specifica che, appunto, dona la forma all’ambiente di lavoro circostante, alle relazioni tra colleghi e ai processi interni.

Ciò su cui oggi risulta importante ragionare è il cosiddetto benessere lavorativo che riguarda le modalità con cui i collaboratori si relazionano con l’azienda, ovvero quale e come avviene la condivisione dei valori, il coinvolgimento delle persone e il corretto flusso di informazioni.

Il concetto di wellbeing non è così distante da quanto ognuno di noi immagina: il benessere aziendale è misurato considerando la qualità della vita di tutti i giorni, che si manifesta attraverso la combinazione di fattori materiali (monetari) e psicologici (benessere psicofisico).

Ambiente di lavoro

La soluzione per far convivere all’interno dell’azienda le due realtà è l’introduzione di un piano di welfare orientato all’engagement delle persone e tarato sui loro bisogni specifici.

L’organizzazione in questo modo, si avvicina maggiormente al singolo, creando una cultura di supporto esterno e lavorativamente stimolante.

Sembra così semplice! Il benessere migliora la produttività.

2. Apprendimento e formazione continua.

L’organizzazione che investe sulle sue persone per uno sviluppo continuo, ha la possibilità di crescere sia moralmente che finanziariamente e questi due concetti sono uno la conseguenza dell’altro.

Un programma di formazione ben costruito, è studiato combinando gli obiettivi aziendali con le aspirazioni di carriera dei singoli. Così facendo tutta l’organizzazione lavora verso la stessa direzione, perseguendo gli stessi obiettivi, approfondendo ognuno skills differenti e specifiche che conducono all’aumento della job satisfaction. Durante il percorso di consolidamento, nelle singole persone maturano sentimenti di apprezzamento e considerazione, che si esplicitano in una maggiore fiducia nei confronti del management e in un grado più elevato di engagement. Il lavoratore così motivato, sa di poter contare sulla propria organizzazione in qualsiasi momento e per qualsiasi problematica, sa di vivere in un ambiente sicuro e onesto, sentendosi valorizzato ed apprezzato dagli investimenti fatti su di lui.

Il futuro si costruisce insieme.

3. Work-life balance.

Il benessere della persona è uno degli argomenti centrali per lo sviluppo di una cultura aziendale positiva, coinvolgente ed inclusiva. Il trend 2019, infatti, vede in forte aumento le iniziative create per il benessere dei singoli.

Cosa comprende il benessere lavorativo?

Si tratta di iniziative volte al sostegno dell’equilibrio casa-lavoro volte a migliorare il potenziale attivo della persona nel momento in cui si trova sul suo posto di lavoro. Sono compresi anche piani focalizzati sulla salute mentale e finanziaria, oltre alle soluzioni di benessere fisico.

Molte organizzazioni, le più “illuminate”, sono coscienti che lo stress sul posto di lavoro possa influenzare la produttività aziendale, aumentare l'assenteismo e avere ripercussioni negative sulla salute. Per questo motivo hanno aumentato il budget destinato al benessere delle persone, concentrandosi su iniziative di benessere emotivo quali per esempio workshop sulla gestione dello stress e disposizione di sale apposite per momenti di meditazione (mindfulness).

Il passo successivo consiste nella conciliazione degli impegni di tutti i giorni che abbiamo esternamente, con la vita lavorativa: il work-life balance. Un’azienda che sostiene le sue persone non può tralasciare gli impegni familiari di ognuno. Il tempo è il centro di tutta la nostra vita, corriamo continuamente, la smania e la frenesia delle attività sono ormai all’ordine del giorno.

Non è più possibile considerare la flessibilità della vita aziendale come un bene di lusso, è necessario considerarla come un punto centrale all’interno del piano di welfare realizzato ad hoc per ognuno di noi.

Le persone in azienda

Famiglia, salute, risparmio, time saving e smart working sono temi fondamentali su cui vale la pensa soffermarsi e a cui è dedicata energia e consapevolezza all’interno di ogni nostra proposta di welfare.

Ricorda, l’azienda è fatta di persone.

4. Comunicazione.

Ognuno di noi desidera far parte di qualcosa di più grande, vuole essere ispirato ed ascoltato. È indubbio che il lavoratore si senta maggiormente compreso e considerato se la comunicazione interna con i colleghi e con il management è aperta e sincera.

Una delle prime cose che ci insegnano quando siamo piccoli è comunicare con gli altri, farsi in qualche modo comprendere, fino a diventare così bravi da poter mettere insieme delle frasi ed interagire gli uni con gli altri. È una delle abilità migliori e più rilevanti che possediamo e, in base al livello a cui siamo arrivati dopo anni di esperienza, potremmo quasi inserirla all’interno del nostro Curriculum Vitae sotto voce soft skills.

Se davvero è considerata un’abilità così importante, perché non viene sempre sfruttata al massimo del suo potenziale?

Il Secondo Dossier Eudaimon-Censis relativo allo studio sull’efficacia della comunicazione in azienda tra dipendenti e management approfondisce il tema.

Il punto saliente di questa analisi evidenzia un gap considerevole tra le informazioni detenute dai lavoratori rispetto a quanto conosciuto dai piani alti.

  • Tutti noi sappiamo quale strategia sta portando avanti la nostra azienda?
  • Siamo tutti a conoscenza degli obiettivi di medio-lungo termine?
  • Siamo tutti al corrente di che cosa si intenda per welfare aziendale?

Accade ancora troppo spesso che il flusso di informazioni sia distorto, alterato, bloccato, quasi come si volesse giocare al telefono senza fili. In molti casi, però, non viene utilizzato nemmeno un cordless.

Secondo l’analisi solo circa il 18% dichiara di essere a conoscenza di che cosa sia il welfare aziendale mentre il 58,5% dice di poterlo descrivere a grandi linee. Queste percentuali sono sicuramente troppo basse.

Questo fenomeno ha un impatto indiretto sul grado di engagement del dipendente, inteso come sentimento di appartenenza e tipologia di rapporto con l’azienda.

La comunicazione deve essere una priorità.


È necessario che la persona sia al centro dell’impresa.

Benessere organizzativo

«Beh, ecco, se mi posso permettere, spesso il termine utopia è la maniera più comoda per liquidare quello che non si ha voglia, capacità o coraggio di fare. Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia a lavorarci. E allora può diventare qualcosa di infinitamente più grande»

Adriano Olivetti

È davvero utopica la creazione di un mondo all’altezza delle necessità di ognuno di noi?

Siamo sopravvissuti a guerre e gestiamo catastrofi naturali, studiamo in continuazione passando da università, master e dottorati, siamo addirittura atterrati su Marte.

Le cose più semplici, quelle che si trovano di fronte a noi, sono sempre quelle più complicate da riuscire a vedere.

 L’engagement delle persone può partire dall’introduzione di un piano di welfare aziendale sviluppato con questo obiettivo.

Sei curioso di sapere cosa abbiamo pensato per te?

Ricorda, siamo dalla tua parte.


Voglio conoscere maggiori informazioni